L’olio esausto da cucina è un rifiuto che spesso viene gestito in modo scorretto, causando danni agli scarichi e all’ambiente.

Cos’è l’olio esausto da cucina?

L’olio esausto da cucina è il residuo che rimane dopo la preparazione di cibi che richiedono la cottura con olio, soprattutto in caso di frittura.È importante gestirlo in modo responsabile per evitare impatti negativi sull’ambiente.

Perchè viene considerato un rifiuto speciale?

L’olio esausto è considerato un rifiuto speciale a causa della sua natura. Infatti l’olio esausto ha caratteristiche che lo rendono più difficile da trattare e smaltire; è molto inquinante, con la capacità di danneggiare suolo, acque sotterranee e corpi idrici. 

L’importanza di uno smaltimento responsabile

Per evitare di inquinare ecco qualche consiglio su come smaltire l’olio esausto:

  • Raccolta adeguata: raccogliere l’olio esausto in contenitori sigillati o bottiglie riutilizzabili; assicurati che il contenitore sia resistente;

  • Centri di raccolta: informati se nella tua zona esistono centri di raccolta o punti di raccolta specifici per l’olio esausto;

  • Compostaggio: in piccole quantità l’olio esausto può essere aggiunto al compost; attenzione a non eccedere, poiché grandi quantità rovinerebbero il compost finale;

  • evita lo sversamento: non versare mai l’olio esausto nel lavandino o negli scarichi, perché può causare ingenti danni.

Perchè non va mai smaltito negli scarichi?

Se versato nel lavandino o negli scarichi può, nel tempo, solidificarsi, causando ostruzioni e bloccando il flusso dell’acqua. Ciò porta ad ingenti e costosi danni nelle tubature. Per preservare gli scarichi e l’ambiente dai problemi legati ad uno smaltimento inappropriato, è cruciale considerare l’olio esausto come un rifiuto speciale e adottare misure responsabili per la sua corretta gestione e smaltimento. Prenditi cura dei tuoi scarichi.

Contattaci per scoprire tutti i nostri servizi.